Mare Mostrum

Le microplastiche presenti sulle spiagge italiane rappresenterebbero una forma di contaminazione ambientale “elusiva” e “pervasiva”.

Le micro plastiche sono quei frammenti di plastica di dimensioni inferiori ai 2mm, che però derivano da oggetti di dimensioni ben superiori.

Secondo uno studio svolto dall’Università di Pisa, la quantità di materiale polimerico parzialmente degradato è per una media complessiva fino a 5-10 grammi per metro quadro di spiaggia. I rifiuti individuati derivavano da imballaggi e oggetti monouso abbandonati sul posto, ma per lo più trasportati dal mare.

Uno dei principali rischi è che le microplastiche agiscano da collettori di sostanze inquinanti anche altamente tossiche come pesticidi e idrocarburi policiclici aromatici.

Una volta i bambini in spiaggia raccoglievano conchiglie e sassetti colorati. Oggi dalla sabbia tirano su quasi soltanto pezzi di plastica, cotton fioc, mozziconi. Un’indagine svolta da Legambiente su 79 lidi Italiani, ha dimostrato che per ogni passo calpestiamo 4 rifiuti, ovvero ogni cento metri di spiaggia, 620 detriti abbandonati. Gli stessi che 180 specie marine diverse sono pronte a ingerire rischiando la morte.

Questi frammenti di plastica e anche metallo, che possono raggiungere dimensioni microscopiche inferiori ai 5 mm di diametro, costituiscono una fra le principali cause di morte per soffocamento di molti pesci ed uccelli marini poiché vengono scambiati per cibo. A causa di ciò, 115 specie marine sono a rischio, dai mammiferi agli anfibi. L’ingerimento accidentale di plastica scambiata per plancton o meduse è un fenomeno così comune che il 52% delle tartarughe marine ne ha subito gli effetti.

 

In Europa ogni anno spendiamo 412 milioni di euro per ripulire le spiagge.

Foto scattate nella spiaggia di Bibione ( VE )

Fonti:

Anter – Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili

https://www.repubblica.it

https://www.travel365.it/

https://tg24.sky.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.